LA MOBILITÀ SOSTENIBILE PER LA #FASE2

Garantire il distanziamento sociale, evitare il congestionamento del traffico e ridurre al minimo inquinamento e disagi negli spostamenti: sono alcuni dei problemi con cui si trovano alle prese diverse città in questi primi giorni di “banco di prova” della Fase 2. Criticità che si possono risolvere puntando su una mobilità urbana sempre più condivisa e sostenibile, utile ora nella fase di riapertura, ma con vantaggi che potranno rendere più vivibili le nostre città.

Le due sfide su cui puntare sono il potenziamento della sharing mobility e il raddoppio dei chilometri delle piste ciclabili, un intervento, quest’ultimo, già previsto nei PUMS, i Piani urbani per la mobilità sostenibile, che i Comuni devono mettere in campo al più presto. Si tratta di progetti per 2.626 km di nuove piste ciclabili, da sommare ai 2.341 km di quelle già esistenti in 22 città italiane. Qualche esempio? Secondo i piani, Palermo passerebbe dagli attuali 48 a 155 km di piste ciclabili; Firenze da 66,3 a 108,5; Pesaro da 100 a 180; Napoli da 21,3 a 184,3; Bologna da 248 a 969; Bari da 45,7 a 202,7; Milano da 220 a 406; Parma da 125,5 a 296 km.

Share

E PUR SI MUOVE!

Due incontri su presente e futuro della bici in Italia. Venerdì 18 gennaio, ore 18:00 L’A BI CI 2018 – 2° rapporto Legambici sull’economia della bici in Italia Intervengono: Federico Del Prete, referente di Legambici Stefano Zenoni, Assessore alla Mobilità …

Leggi tuttoE PUR SI MUOVE!

Share

Ne abbiamo pieni i polmoni!

5 Gennaio 2019 ore 14.30 davanti a Palafrizzoni.

A piedi o in bici per dire “ne abbiamo pieni i polmoni” e per chiedere a Regione Lombardia misure più efficaci contro l’inquinamento dell’aria e per ribadire a Regione Lombardia, al Comune di Bergamo e alla Provincia che vogliamo una mobilità di qualità, rispettosa dell’ambiente e della salute dei cittadini, efficiente e veramente intermodale.

Share
WhatsApp chat