Tracce Partigiane 2022

venerdì 22, sabato 23, domenica 24 luglio Nel 2018, nel 70° anniversario dell’entrata in vigore della Costituzione, abbiamo raccolto il celebre invito di Pietro Calamandrei: andare a conoscere i luoghi dove nacque la Carta Costituzionale, cioè le montagne dove si …

Leggi tuttoTracce Partigiane 2022

Nevediversa 2022, i dati di Legambiente sugli impianti in sofferenza ad alta e bassa quota

IN LOMBARDIA 23 IMPIANTI DI RISALITA DISMESSI, 2 TEMPORANEAMENTE CHIUSI. PROGETTI IMPATTANTI E SITUAZIONI DI DEGRADO E ABBANDONO MINACCIANO PAESAGGI ED ECOSISTEMI GIA’ COMPROMESSI DAL CAMBIAMENTO CLIMATICO Legambiente: “Necessario ripensare il turismo invernale e valorizzare realtà che già da tempo …

Leggi tuttoNevediversa 2022, i dati di Legambiente sugli impianti in sofferenza ad alta e bassa quota

Tracce Partigiane 2021

Tracce partigiane 2021 Rinviato nel 2019 per l’inclemenza del tempo e nel 2020 per l’emergenza sanitaria del Covid, nei giorni 10-11-12 settembre si è svolto il trekking “Tracce partigiane”, iniziativa avviata nel 2018, cioè nel 70° anniversario della Costituzione Italiana, …

Leggi tuttoTracce Partigiane 2021

La protesta dei pesci di fiume su “La Stampa”

Il 25 gennaio 2020 si è svolta in tutta Italia dalle 14 alle 17 la mobilitazione, denominata “La protesta dei pesci di fiume”,  : un appuntamento convocato da 18 associazioni ambientaliste per chiedere al Ministro dell’Ambiente Sergio Costa il rispetto della Direttiva Quadro Acque, anche quando si tratta di energia idroelettrica. L’obiettivo è bloccare progetti nei corsi d’acqua naturali che accedono agli incentivi previsti dal nuovo Decreto Rinnovabili FER 1 che provocherebbero un ulteriore danno ai nostri fiumi, già provati dagli effetti della crisi climatica, a fronte di un irrisorio contributo di energia rinnovabile.

L’assalto dell’inutile mini-idroelettrico a torrenti e fiumi italiani

Share

Sit-in La protesta dei Pesci di Fiume

25/01/2020 Promotore locale: Circolo Legambiente Serio e Oglio A.P.S. Luogo: impianto idroelettrico Ghisalba e Bariano-Romano Ente proponente: INIZIATIVE BRESCIANE – S.P.A. Motivazione iniziativa nazionale Il Coordinamento nazionale Free Rivers Italia ha promosso una protesta diffusa a livello nazionale per fermare …

Leggi tuttoSit-in La protesta dei Pesci di Fiume

Requiem per un ghiacciaio

Mobilitazione in quota per i nostri ghiacciai che stanno scomparendo. 

I Requiem per un ghiacciaio, organizzati il 27, il 28 e il 29 settembre 2019, sono stati un omaggio alla montagna, a quegli ambienti e paesaggi che stiamo perdendo a causa dei mutamenti climatici. I circoli territoriali di Legambiente, insieme alle associazioni e le realtà locali e a tanti amanti delle Alpi,  hanno dato vita a più appuntamenti – dalla Valle d’Aosta al Friuli Venezia Giulia fino al ghiacciaio appenninico del Calderone – per accendere i riflettori sugli effetti devastanti che la crisi climatica sta producendo in queste aree.

L’appuntamento di punta si è svolto il 27 settembre al ghiacciaio del Lys, in Valle d’Aosta, nel massiccio del Monte Rosa, in un abbraccio ideale con i ragazzi di Friday for Future che quel giorno scendevano in piazza per il terzo sciopero per il clima. Nella stessa giornata sono stati organizzati salite al ghiacciaio del Monviso e al ghiacciaio del Montasio, nelle Alpi Carniche. Il 28 e il 29 settembre la mobilitazione del Requiem ha toccato i ghiacciai dello Stelvio, della Marmolada e del Brenta e qualche giorno più tardi il ghiacciaio del Calderone, sul Gran Sasso.

Rivivi attraverso i video l’emozione del Requiem per un ghiacciaio

Requiem al ghiacciaio del Calderone  – a cura di Elia Andreotti

Climate Change –  immagini di Luciano Menaldino girate al Lys, montaggio Daniele Garigliano.

Requiem per un ghiacciaio – realizzato da Claudia Apostolo e Mia Santanera con i contributi da tutti i luoghi del Requiem.

Un ringraziamento particolare ai musicisti che hanno suonato per i ghiacciai: Laura Zaottini, violinista, per il ghiacciaio del Calderone, e Martin Mayes, che ha reso omaggio al ghiacciaio del Lys con il corno delle Alpi.

Share

Tracce partigiane 2019

RINVIATO PER MALTEMPO. L’INIZIATIVA VERRA’ RIPROPOSTA IL PROSSIMO ANNO L’anno scorso, alla conclusione di Carovana delle Alpi – Tracce Partigiane avevamo promesso che avremmo fatto altri trekking cercando di ricucire pezzi di memoria e di territorio, di provare a conoscere …

Leggi tuttoTracce partigiane 2019

WhatsApp chat